Email

info@animaeradici.com

Il tempo scorre e anche la Ruota dell’Anno (basata sui calendario precristiano celtico) continua a girare. Siamo alle porte di un nuovo Sabbat (giorno sacro) che scandisce l’inizio di una nuova stagione. Anzi, per essere precisi, secondo la ruota dell’anno l’estate inizia a Beltane, ora con Litha assistiamo al suo picco massimo.

Abbiamo visto come Beltane abbia rappresentato la consacrazione dell’amore tra la Dea e il Dio, intesi come archetipi. Da quel momento in poi abbiamo in natura è sbocciata la vita: un tripudio di frutti e fiori, molti dei quali considerati afrodisiaci o comunque interconnessi alla sessualità (ciliegie, fragole e rose in primis).

Ora ci avviciniamo a Litha che celebra il solstizio d’estate, di cui ti avevo già parlato qui analizzando l’ Arcano del Sole nei Tarocchi. Oggi, invece, ti porterò alla scoperta dei simboli e delle energie di questo sacro passaggio.

Quando si celebra Litha?

Quando si celebra Litha?

Litha si celebra il giorno del solstizio d’estate, per convenzione indicato il 21 giugno, anche se astronomicamente può cadere anche il giorno precedente.

La luce è al suo apice, le giornate si allungano e il caldo (Fuoco) la fa da padrone, ma questo punto segna anche l’inizio del declino della luce stessa. Se con il Sabbat “opposto” (Yule) abbiamo visto che l’oscurità delle tenebre interiori ha pian piano lasciato spazio alla primavera, ora accade l’esatto opposto. Da questo momento pian piano la luce riprenderà a fare spazio alle ombre e ai letarghi dell’anima e del corpo.

Cosa significa Litha?

Litha è la dea sassone del grano, associata all’archetipo materno della terra nel pieno della sua rigogliosità, fertilità e abbondanza. Il grano, inoltre, può essere visto come simbolo di contatto con il cielo perché cresce verso l’alto, quindi connette ai mondi sottili.

L’iperico, simbolo di Litha

Fino a poche decine di anni fa nella notte tra il 23 e il 24 di giugno era usanza raccogliere fiori e piante dai boschi e lasciarli “caricare” in una bacinella piena d’acqua. In questo modo sarebbero stati esposti alla rugiada benefica di questa notte di festa, ottenendo la cosiddetta Acqua di San Giovanni, considerata una vera e propria acqua benedetta capace di scacciare le energie negative accumulate nel tempo.
Tra le piante che venivano raccolte, la più nota è senza dubbio l’iperico, uno dei simboli di Litha.

Le energie nel giorno di Litha

Litha è il giorno più lungo dell’anno ed è per questo motivo che veniva considerato un portale magico. Similmente a quanto accade a Samhain, quando il confine tra il mondo devi vivi e quello dei morti si assottiglia, è più probabile avere dei picchi di ipersensibilità.

Durante questi giorni cardine della Ruota dell’Anno, le energie sono sempre fluttuanti, quindi è meglio ricordarsi di tenere l’agenda il più libera possibile da impegni e compiti intensi.

L’iperico, simbolo di Litha

Cosa fare per il giorno di Litha?

Se con Beltane abbiamo sperimentato il matrimonio tra gli archetipi della Dea e del Dio, ora viviamo la fase successiva: la Dea madre è incinta. È una gravidanza simbolica, intesa come pienezza dei raccolti. Vediamo, così, come simbolo ritualizzato di questa fase il grano. Questo è connesso sì al concetto di Madre (Demetra), ma anche a quello di Padre poiché cresce dal basso (Madre Terra) verso l’alto (Padre Cielo) grazie al nutrimento della terra (Madre) e al calore (Fuoco – Padre) che lo sostiene.

Come accadeva per la maggior parte delle feste di stampo pagano, questo passaggio veniva festeggiato con l’accensione di falò (per celebrare il Fuoco), balli sacri e attività come la divinazione.

Non immaginiamo, però, rituali da film o cristalli e calderoni da festival esoterici. Veniva usato ciò che si aveva a disposizione e, così, si interpretava il futuro attraverso la lettura di semi di grano, bastoncini o persino foglie. Se ti va di approfondire questa forma di divinazione ti consiglio di leggere il libro “La profezia della Curandera”, dove ce ne parla più nel dettaglio la protagonista, Kantu.

Seguendo quelle che sono le origini delle mie ave, sto tentando di fare una ricerca sulla divinazione del centro-sud Italia per comprendere il medium (strumento) usato. E se tu ne sai qualcosa, scrivimelo nei commenti, te ne sarei davvero grata!

E, infine, non dimentichiamo che i Tarocchi sono uno strumento di divinazione noto da tanti secoli qui in Europa.

La Connessione tra Danze Rituali e Guarigione Energetica

Per quanto riguarda le danze sacre la letteratura esoterica ha consumato fiumi di inchiostro per questo non andrò ad approfondirli in questo articolo. Nella maggior parte dei casi si trattava di danze fatte in cerchio, davanti ai falò, costruite in maniera tale che il corpo andasse a comporre dei movimenti simbolici e ripetitivi, quindi rituali anch’essi. Il movimento serviva a stimolare alcuni punti energetici del corpo per far sì che si attivassero dei portali. 

Tutto ciò che accade, accade nel corpo”. Questo è un passaggio chiave di Bessel Van Der Kork, psichiatra olandese naturalizzato americano che ha svolto numerosi studi sul coinvolgimento del corpo negli eventi traumatici. Possiamo considerare valido lo stesso principio per gli eventi guaritori, quali i balli tribali, che servivano a liberare energie rimaste imprigionate nel corpo.

Come dice Antonio Calderòn, padre fondatore della “Disativaction de la memoria corporal”, tutte le memorie dei nostri vissuti, dei nostri avi e quelle ancora più antiche vivono nel nostro corpo ed è fondamentale disattivarle, scioglierle e riprogrammarle così da ripristinare il senso di pace e benessere primigenio.

Siamo giunte al termine di questo viaggio nelle celebrazioni di Litha e mi auguro di averti incuriosita così da proseguire la ricerca di rituali e simboli per tuo conto e trovare quello che più ti risuona.

Se devo dirti, il rito che mi affascina di più in questo passaggio è la sua celebrazione a Stonehenge. È un sito magico e durante i due solstizi si vede il sole passare tra le rocce creando letteralmente un segno tra prima e dopo.

E il tuo qual è? Fammelo sapere nei commenti o scrivimi se vuoi realizzare insieme a me un rituale su misura per te godendo delle energie di questo periodo.

Sabina

Nella vita traduco Simboli e Metafore in parole semplici.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.