Email

info@animaeradici.com

Se mi segui da un po’, sai che i Tarocchi sono un “alfabeto magico” di base neutrale che si sposa perfettamente con ogni altra disciplina e che ci sa venire in soccorso nella nostra quotidianità.

A ricordarcelo oggi c’è Valentina, nome di fantasia di una donna meravigliosa che ci dà il permesso di vedere come le carte l’abbiano aiutata. Vediamo insieme cosa l’ha portata da me, il responso delle Carte, la dimensione interiore che è emersa e come la sua situazione si sia evoluta nel tempo.

Chiedere ai Tarocchi aiuto per sciogliere alcuni dubbi su una relazione iniziata da poco

Valentina lavora in un pub e lì ha conosciuto Paolo. Inizialmente uscivano da amici: lui era simpatico ma “niente di che”. Lo descrivo usando le sue parole quando dico che “era un modo per passare il tempo, magari per un po’ di compagnia”.

Dopo poco tempo (parliamo di neppure 2 mesi di frequentazione) lui ha iniziato a premere l’acceleratore: voleva vederla sempre più spesso e insisteva per fare più cose insieme, comportandosi un po’ forzatamente come se fossero una coppia. Ci tengo a specificare che non mi era stata descritta nessuna situazione violenta, altrimenti non avrei fatto il consulto.

Il suo comportamento diciamo che risultava molto innaturale. Per intenderci, non possiamo sederci al ristorante con un tizio appena conosciuto fingendo l’intimità che si potrebbe avere in un rapporto più lungo.
Si era, così, creata una dicotomia tra quello che Paolo metteva in campo a parole e fatti e quello che provava Valentina. Questa grande distanza tra la realtà percepita e la realtà manifesta l’ha portata a rivolgersi alle Carte, così da portare finalmente un po’ di chiarezza.

Lettura Tarocchi per fare chiarezza in una relazione sentimentale

Abbiamo iniziato il consulto vedendo quelli che erano i movimenti, o sentimenti, di Paolo nei confronti di Valentina e le carte ci hanno risposto così:

Lettura Tarocchi per fare chiarezza in una relazione sentimentale

3 di Coppe e Ruota della Fortuna

Il tre di coppe sappiamo essere la carta più bella del mazzo che parla letteralmente di amore, però va contestualizzata: in una conoscenza di poche settimane è “too much” (di questo poi parleremo meglio). Osserviamo bene la carta e vediamo come sembri essere raffigurata una festa dove tre fanciulle ballano in cerchio. Questo ci parla di picchi di entusiasmo che, affiancati dalla ruota della fortuna, che di fatto è una ruota che sale e che scende un po’ come le nostre emozioni, lì accanto ci trasmette senz’altro l’idea di un’onda emotiva alta.

Sembra come se tutto quello che Paolo stesse muovendo fosse basato su emozioni che non sapeva gestire.

Hai presente quel picco di entusiasmo che magari fa fare grandi progetti che, però, si ridimensionano appena l’onda emotiva si placa? Ecco, quella combo di carte mi dà questa impressione.

Stesa con 9 di Bastoni, 9 di Denari e L’Appeso

La stesa ci dice che lui si aspetta (9 di Bastoni) che lei lo faccia stare bene (9 di Denari) e da questa visione non si schioda (Appeso).

Questo ci pone tutta la situazione sotto un’altra luce: io faccio-do-brigo&sbrigo affinché tu mi renda felice. 

Abbiamo, poi, approfondito altri dettagli e, riassumendo, abbiamo capito come Paolo sia una persona che delega agli altri la responsabilità del proprio benessere. Questo è il pensiero che proietta su Valentina: tu devi farmi felice, curarmi e aggiustarmi. Da qui a passare a una genitorializzazione, ovvero una situazione in cui un partner assume il ruolo di genitore per l’altro, il passo è breve. 

Cos’è il love bombing?

Cos’è il love bombing?

Questo consulto mi ha fatto tornare in mente un discorso tenuto da una psicoterapeuta che parlava del fenomeno “love bombing”, letteralmente “bombardamento d’amore”. Si tratta di un argomento lungo e molto interessante, quindi qui mi limito a darti una sua definizione base, poi ti invito ad approfondire.
Riassumendo, possiamo dire che si tratta di tutta una serie di atteggiamenti che sono “troppo” all’inizio di un rapporto. Mi riferisco a un “ti amo” che arriva dopo tre settimane di conoscenza, la pretesa di vedersi sempre, il controllo sui dispositivi elettronici etc.

Quando accadono situazioni come quella che ti ho raccontato, è bene stare in allerta e osservare cosa muovono in noi. Con Valentina abbiamo visto chiaramente come una parte di noi (che Clarissa Pinkola Estés definisce Donna Selvaggia) sappia intuire e riconoscere “l’inganno”. Al contempo, la nostra parte depotenziante, fatta di nodi, dolori, blocchi e traumi irrisolti tenta di cambiare il racconto perché è mossa dal bisogno.

Ipotizzando un dialogo interiore, lo leggerei così:

Donna Selvaggia: “Attenta, lì c’è qualcosa che non va!

Parte depotenziante: “Ma no, ma va, fa niente. [esempio] Quando mi ricapita una persona così?

Non siamo state educate ad ascoltare la donna selvaggia né a contattarla e men che meno a radicarci ad essa. La società maschiocentrica ci ha allontanate da Lei ma è nostro compito ricordare come contattarla. Non è facile e per arrivare a questo punto molte volte è necessario un percorso psicologico e, credimi, durante i consulti non manco mai di dirlo.

Cosa è accaduto dopo il la lettura dei Tarocchi?

Memore di tutto ciò che ci eravamo dette, Valentina entrò in uno stato di osservazione. Le carte avevano detto che la situazione si sarebbe smorzata da sé e così andò.
Vedendo che lei non era disposta a ignorare la realtà che aveva intuito nè a cambiare il proprio ruolo (da compagna a madre) nella coppia, Paolo si eclissò spontaneamente.

Hai visto la chiarezza con cui i Tarocchi rispondono? Hai una domanda che vorresti affidare alla loro saggezza? Scrivimi e ti accompagnerò nella loro lettura

Sabina

Nella vita traduco Simboli e Metafore in parole semplici.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.